Red Dot Design Award, il premio più ambito… ma cos’è?

Home » Eventi » Red Dot Design Award, il premio più ambito… ma cos’è? | 17 giugno 14

Red Dot Design Award, il premio più ambito… ma cos’è?

Pin It

Possiamo paragonarlo all’Oscar attribuito a un attore o al premio Pulitzer conquistato da un giornalista, o ancora a una medaglia d’oro ottenuta da uno sportivo alle Olimpiadi: il Red Dot Design Award è il premio internazionale che incorona i migliori prodotti e progetti di design dell’anno.

Rilasciato dal Red Dot Institute in Germania, la sua attribuzione viene decisa da una giuria composta da 37 esperti di design a livello internazionale; un premio che rappresenta un obiettivo per designer e aziende, un motivo d’orgoglio per un proprio progetto, un risultato a conferma della propria creatività e capacità.

Il Red Dot è diviso in 3 categorie, ovvero design di prodotto, design di comunicazione come ad esempio design corporativo o pubblicitario, e design concepts che riguarda idee non ancora in commercio; la competizione è aperta ad ambiti diversi, quindi non solo all’arredamento, ma anche all’automobilismo, alla creazione di accessori per la casa, gioielli …

Il premio viene riconosciuto a livello internazionale e rappresenta un’etichetta per il design eccellente; prodotti e progetti di design vengono esposti al Red Dot Design Museums a Essen, Singapore e Taipei.

Il Red Dot Design non rappresenta solamente un premio, bensì contribuisce a promuovere e diffondere le idee di design a livello internazionale, sottolineando la loro importanza per il business e la società.

Molte sono le aziende italiane che hanno ottenuto tale riconoscimento, a conferma dell’elevata creatività che contraddistingue il nostro paese: ricordiamo ad esempio Kartell con la sedia Audrey, Gaber con la poltroncina Moema, Tonon con la poltrona Heartbreaker e il recente vincitore Pedrali con la sua nuova Volt.

Sedie Audrey di Kartell

 

Poltrona Heartbreaker di Tonin

Sedia Moema di Gaber

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Volt di Pedrali

Tags: , , , , , , , , , ,

Ti potrebbe interessare anche:

« Precedente Successivo »

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>